Sito di Marco Pifferetti
Informazioni sulle nevi di casa e del mondo, da Albinea, Reggio Emilia, Italy

 

La neve in Emilia dal 1961 ad oggi

Confronto tra le misurazioni di tre capoluoghi emiliani dei quali sono disponibili serie storiche attendibili e di lungo periodo.

I dati di Piacenza sono relativi all'osservatorio del Collegio Alberoni sito in area periferica lungo la via Emilia in direzione Parma, i dati di Parma e di Modena si riferiscono agli osservatori universitari siti nei centri storici delle due città potrebbero pertanto contenere una sottostima da isola di calore urbano, rispetto a quelli Piacenza . Non sono stati valutati nel confronto i dati di Reggio Emilia in quanto disponibili solo dagli anni '70 e rilevati da vari osservatori e in punti diversi della città a scenda dei periodi, essi appaiono comunque in linea con quelli delle vicine Parma e Modena, (qui uno studio di approfondimento sulle serie storiche di Reggio)

Le tre città sono situate lungo l'asse della via Emilia e risultano tutte e tre più o meno alla stessa distanza dai primi rilievi appenninici; tale parametro in questa zona risulta determinante per la distribuzione delle cadute di neve quanto più si procede da ovest verso est, come risulta dalle curve di livello che tendono a divergere verso Ovest

Dettaglio dalla "Carta della nevosità media dell'area padano veneta dal 1960/61 al 2005/06"

Ciò dipende dal fatto che mentre Parma e soprattutto Piacenza risentono maggiormente delle situazioni "da neve" tipiche del Nord Ovest e della Lombardia, in particolare, Modena è più esposta alle circolazioni foriere di neve sul Bolognese, caratterizzate da stau appenninico per correnti da Nord Est; i dati appaiono comunque, salvo poche eccezioni, ben correlati nelle varie annate considerate.
La nevosità media annua nel periodo considerato risulta di 42.1 cm a Piacenza, 30.1 a Parma e 29.1 a Modena
Il massimo accumulo stagionale per Piacenza si è avuto nell'85/86 con 160 cm, a Parma con 101 cm nel 62/63e a Modena con 86 cm nel 63/64; singolare che la grande neve del gennaio 1985, pur abbondante, non abbia prodotto record in nessuna delle tre città: Piacenza cm 131, Parma cm 85, Modena cm 69.

Le curve indicano l'accumulo totale stagionale in cm per annata idrologica, le rette, le linee di tendenza

Da una analisi delle linee di tendenza risulta, per il periodo considerato, un calo per tutte tre le località, più evidente per Piacenza, meno per Parma e ancora meno per Modena; ciò è in linea con la tendenza riscontrata più in generale in tutta l'area padano veneta, dove il Nord Ovest, più nevoso, ha anche subito un più vistoso calo delle cadute di neve negli ultimi decenni

Per approfondire aspetti, eventi o annate particolari vai all'indice degli articoli sulla neve

Bibliografia
Lombroso e Quattrocchi L'OSSERVATORIO DI MODENA
180 anni di misure meteoclimatiche.

Geo Litta VENTI ANNI DI TEMPO A REGGIO EMILIA
G. Zanella LA NEVE NEL CLIMA DI PARMA.